Gli italiani amano l’E-commerce

In Italia l’E-commerce vale circa 71 miliardi di euro secondo lo studio di Netcomm in collaborazione con The European House – Ambrosetti

Redazione
e-commerce

Secondo uno studio di Netcomm in collaborazione con The European House – Ambrosetti, l’E-commerce vale circa 71 miliardi di euro in Italia con una crescita pari al 4,4% rispetto al 2020.

L’E-commerce in Italia

Dallo studio sono emersi alcuni dati interessanti:

-il valore dell’E-commerce e dei negozi online è al primo posto tra le 99 attività economiche italiane per incidenza sl fatturato complessivo del settore privato;

-negli ultimo cinque anni il settore ha registrato una crescita del 40,6%;

-la crescita dell’interesse per il mondo degli acquisti online ha generato anche un aumento dei posti di lavoro.

-a livello geografico, le imprese che lavorano in questa filiera sono equamente distribuite sul territorio italiano, ma più della metà del fatturato proviene dal Nord-Ovest (51,1%, con un importante contributo offerto dalla Lombardia). 

Infine lo studio ha anche inquadrato quali saranno gli investimenti futuri. Al primo posto l’investimento nel digital marketing, prima voce sia per il canale B2B (38,5% del panel) sia per il canale B2C (23,9% del panel). Seguono al secondo posto gli investimenti per il miglioramento della user experience, in particolare il sito di e-commerce (23,1% del panel B2B, 22,9% per il B2C). Al terzo posto l’incremento della presenza su marketplace per il B2B (15,4%), mentre per le imprese B2C l’incremento del team dedicato al canale e-commerce (22,2%).

Per saperne di più: E-commerce: come funziona lo shopping online, vantaggi e opportunità

“Alla luce dei risultati di questo studio non possiamo che decretare una volta per tutte la fine della concezione di E-commerce come un semplice ‘trend’. La rete del valore del commercio digitale è molto di più: stiamo parlando di una filiera concreta e tangibile che fa crescere la nostra economia più di tutte le altre 98 attività economiche prese in considerazione e che riguarda 723 mila imprese”, ha commentato Roberto Liscia, presidente di Netcomm, il Consorzio del Commercio Digitale in Italia.

Federico Morgantini Editore