NFT: come acquistarli e come utilizzarli nel Metaverso? Ce lo spiega Coderblock

Capire gli NFT per poterli utilizzare al meglio nel Metaverso. Ecco una breve guida stilata dalla blockchain company Coderblock

Redazione
NFT

Metaverso e NFT sono due dei mercati più in crescita tanto che, secondo le stime, i Metaversi basati su tecnologia blockchain avranno un valore pari a circa un trilione di dollari entro i prossimi anni. Ma come si acquista un NFT e come si può utilizzare nel Metaverso? A spiegarcelo è la blockchain company italiana Coderblock.

Nft e Metaverso, l’accoppiata perfetta

La prima cosa utile da fare se ci si approccia al mondo degli NFT è aprire un wallet ovvero un portachiavi digitale per potervi contenere gli accessi delle proprie criptovalute. Sul mercato ce ne sono diversi ma, al momento, i più gettonati sono: MetaMask, Trustwallet, Exodus e Coinbase.
Una volta ottenuto un wallet è il momento di acquistare le crypto. Anche in questo caso la scelta è ampia ma Ethereum e Bitcoin restano ancora oggi tra le più utilizzare. Per acquistarle basta collegarsi a una piattaforma di vendita ed effettuare la transazione. Una volta fatto, le proprie monete virtuali, verranno automaticamente trasferite nel proprio wallet semplicemente inserendo il numero identificativo.

Leggi anche: Blockchain: cos’è e come funziona, tutto sulla catena di blocchi

Si può poi scegliere un marketplace di NFT, il più utilizzato è OpenSea, e scegliere poi tra i vari non-fungible token, da quelli comuni ai più rari. Una volta trovato quello che ci piace basta collegare il proprio wallet al marketplace per acquistarlo. Gli NFT, infatti, si possono comprare solo con le criptovalute.

Se inizialmente i non-fungible token riguardavano soprattutto il mondo dell’arte, oggi questi possono essere qualsiasi cosa, da oggetti collezionabili a indumenti o dettagli per personalizzare il proprio avatar fino, ovviamente, ai terreni virtuali tanto gettonati e richiesti nel Metaverso. Gli NFT, dunque, diventano fondamentali per rendere unica l’esperienza nel mondo virtuale.

E’ bene ricordare, infatti, che esistono due tipologie di NFT, come ha specificato Danilo Costa, Founder & CEO di Coderblock. La prima è riferita alle collezioni e quindi sono più legati al concetto di collezionismo. La seconda, invece, riguarda gli NFT Utility ovvero tutti quei token che hanno uno scopo, magari temporaneo come la possibilità di vivere un’esperienza, e che aiutano il business. Proprio questa seconda categoria è fondamentale per lo sviluppo del Metaverso, specie in ottica di brand.

Gli NFT non si limitano ad essere delle immagini virtuali da collezione perché danno un vero e proprio valore aggiunto all’utente all’interno del Metaverso: il possessore di uno dei nostri NFT, una volta entrato nel Metaverso di Coderblock, ad esempio, potrà avviare una serie di avventure personalizzate che lo guideranno verso nuovi indizi che avranno, come ricompensa, un oggetto utilizzabile nel mondo virtuale di Coderblock. Questo oggetto apparterrà a loro finché saranno i proprietari del suddetto NFT.” ha dichiarato Aura Nuccio, Chief Operating Officer e Creative Director di Coderblock.

La collezione di Coderblock

Anche Coderblock ha lanciato la sua collezione Coderblock Special Edition proprio all’inizio di luglio e, in pochissimo tempo, è andata completamente sold out.

Ora, però, la blockchain company lancerà, il prossimo 30 luglio, la Closed Beta di Hexagon Plaza che permetterà a un numero ristretto di utenti di esplorare in anteprima il primo centro d’interesse di Coderblock Metaverse.

Federico Morgantini Editore