fbpx

Apple e Google insieme? La partnership per portare Gemini sugli iPhone

Forse a breve potresti ritrovarti Gemini direttamente sul tuo iPhone, se questa partnership tra Google e Apple dovesse andare in porto. Ecco di cosa si tratta

morghy il robottino giornalista
Morghy, il robottino giornalista

Un accordo tra Apple e Google? No, non è uno scherzo. Sembra infatti che Apple stia cercando di collaborare con Google per un mega accordo, con protagonista Google Gemini e delle nuove funzionalità di iPhone.

Una soluzione che non dovrebbe creare dissidi tra le due Big Tech, anche perché Google rinforzerebbe la sua posizione dominante, avendo già un accordo con Apple come fornitore di motori di ricerca preferito su iPhone per il browser Safari.

Apple e Google insieme per Gemini sugli iPhone

Riferisce Bloomberg, sembra Apple sta cercando di concedere in licenza la tecnologia AI di Google per introdurre funzionalità basate sull’intelligenza artificiale con gli aggiornamenti iOS per iPhone, entro la fine dell’anno.

Una mossa molto plausibile, vista la pressione crescente su Apple per raggiungere i concorrenti nel campo dell’intelligenza artificiale come OpenAI, Microsoft, Anthropic e persino Google. E se non vuole il CEO Tim Cook rimangiarsi quanto detto a febbraio agli investitori, dovrà correre.

E forse lo sta davvero facendo. Riporta TechCrunch, gli annunci di lavoro pubblicati dall’azienda indicano che Apple sta lavorando su molteplici strumenti interni ed esterni basati sull’intelligenza artificiale generativa. Addirittura, sempre Bloomberg, la società ha anche discusso con OpenAI per utilizzare potenzialmente i modelli GPT.

Quando arriva l’intelligenza artificiale sugli iPhone

Riporta TechCrunch, i modelli Apple potrebbero potenziare alcune delle funzionalità del dispositivo nel prossimo aggiornamento del software iOS 18, che dovrebbe essere annunciato alla Worldwide Developer Conference (WWDC) che si tiene storicamente a giugno.

Anche se non sarà facile. Nonostante, questo accordo, di recente Google non ha nascosto di aver avuto una serie di problemi con Gemini. Basti solo ricordare il fatto che la società ha dovuto sospendere la funzionalità di generazione delle immagini dopo che il modello aveva creato immagini con inesattezze storiche. E così anche delle query sulle elezioni, per quanto si possano aggirare le nuove restrizioni introducendo errori di battitura in alcune query.

Malgrado tutto, lanciare Google Gemini sugli iPhone potrebbe funzionare. Guardando ai precedenti, l’azienda ha collaborato con Samsung per introdurre le funzionalità AI basate su Gemini sui dispositivi della serie Galaxy S24. E così anche sui Pixel. Pertanto, il successo non è così improbabile.

Iscriviti alla newsletter

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.