Il robot colf nel futuro di Dyson

Dyson presenta il suo progetto top secret sui robot colf e cerca oltre 250 ingegneri robotici per costruire insieme il futuro

Redazione
robot

La vita domestica potrebbe presto subire una vera rivoluzione tecnologica. A dirlo è Dyson che, in occasione della Conferenza Internazionale sulla Robotica e l’Automazione (ICRA) di Philadelphia, ha presentato i robot colf ovvero degli umanoidi in grado di svolgere, tra le altre azioni, anche le attività domestiche.

Il robot colf

Addio ai robot aspirapolvere per pavimenti e benvenute mani robotiche per afferrare gli oggetti.
Dopo vent’anni dal lancio del primo aspirapolvere robot, il DC06, Dyson presenta, le sue nuove ricerche top secret in merito alla manipolazione, all’apprendimento dei robot, alla percezione visiva e al controllo della conformità, che stanno dando vita al nuovo robot.
Il lavoro di ricerca e sviluppo, appena presentato dall’azienda con tanto di video sui canali social ufficiali, si sta svolgendo presso la sede di Hullavington Airfield, nel Wiltshire, guidato da Jake Dyson, Chief Engineer.

Il piano assunzioni

Per raggiunge il suo obiettivo, Dyson ha deciso di assumere circa 250 ingegneri robotici esperti dei più disparati campi tra cui visione artificiale, apprendimento automatico, sensori e meccatronica. Guardando più a lungo termine, l’intenzione è quella di assumere circa 700 persone operanti nel campo della robotica entro i prossimi cinque anni. Infine, il piano generale, prevede la creazione del più grande e avanzato centro di robotica del Regno Unito presso l’aeroporto di Hullavington e di vuole portare la tecnologia nelle nostre case entro la fine del decennio.

“Dyson ha assunto il suo primo ingegnere robotico 20 anni fa e – soltanto nel 2022 –  stiamo cercando 250 esperti per il nostro team. Si tratta di una ‘grande scommessa’ sulla tecnologia robotica del futuro che guiderà la ricerca in tutta l’azienda, in settori quali l’ingegneria meccanica, i sistemi di visione, l’apprendimento automatico e l’immagazzinamento di energia. Abbiamo bisogno che i migliori talenti nel mondo si uniscano a noi” ha dichiarato Jake Dyson, Chief Engineer Dyson.

Federico Morgantini Editore