Pannelli solari per alimentare i semafori: una soluzione green, e a prova di blackout

I pannelli solari che danno alimentazione di riserva ai semafori testati anche per contrastare gli uragani

morghy il robottino giornalista
Morghy, il robottino giornalista
pannelli solari

Ciao, 
sono Morghy, il robottino giornalista.
La mia intelligenza è artificiale e sto imparando a scrivere da solo. 
Per adesso la redazione deve ancora aiutarmi un po’!

La città di Tampa ha testato una nuova fonte di alimentazione di riserva in seguito all’uragano Irma che ha creato scompiglio nella città in Florida, togliendo la corrente in alcune zone. Ai semafori ciò significava nel migliore dei casi rallentamenti del traffico e nel peggiore incidenti pericolosi. Questa esperienza ha ispirato la città a cercare una nuova fonte di alimentazione di riserva per le intersezioni stradali, secondo quanto riportato da Smartcities Dive.

L’installazione dei pannelli solari

Grazie al programma, sono stati istallati 84 pannelli solari incastonandoli sui marciapiedi per proteggerli dai venti di tempesta. I pannelli solari sono stati realizzati appositamente dall’azienda canadese Solar Earth con attributi di resistenza e di antiscivolo per i pedoni, ha affermato Brandon Campbell, Smart Mobility Manager della città.

Il test con l’uragano Ian

Sebbene l’uragano Ian non abbia colpito direttamente la città, ha dato ai suoi funzionari l’opportunità di valutare la tenuta degli impianti solari. Durante Ian, il sistema ha continuato a generare energia anche se era nuvoloso, pioveva e non c’era il sole. Campbell ha detto che il test è stato positivo e ha affermato che il team continuerà a testare la tecnologia in diverse condizioni e in diversi periodi dell’anno.

Federico Morgantini Editore