For Women in Science: la call di L’Oréal-UNESCO

Per candidarsi alla ventunesima edizione della call “L’Oréal Italia per le Donne e la Scienza” c’è tempo fino al 27 gennaio 2023

Redazione
call

Fino al 27 gennaio c’è ancora tempo per iscriversi alla ventunesima edizione della call realizzata dall’omonima azienda in collaborazione con la Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO.

La call

L’obiettivo della call, come si evince dal nome, è quello di promuovere le donne nei campi scientifici e tutti quelli dove il gap di genere è ancora alto. Il bando, infatti, prevede l’assegnazione di sei borse di studio, ognuna del valore di 20.000 euro, nei campi delle Scienze della Vita, Scienze Ambientali, Matematica, Fisica, Chimica, Ingegneria e Tecnologie.

Ad esaminare i progetti candidati sarà la commissione giudicatrice del Premio, composta da un panel di undici professori universitari ed esperti scientifici italiani, tra i quali la Presidente Prof.ssa Lucia Votano, Dirigente di Ricerca emerita presso l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare.

Il premio è nato nel 1998 ed è stato il primo premio internazionale dedicato alle donne che operano nel settore scientifico. Negli anni l’iniziativa ha sostenuto nel loro percorso di carriera ben 3.900 ricercatrici in oltre 110 Paesi.

“Il Premio L’Oréal-UNESCO “Per le Donne e la Scienza” arriva quest’anno alla sua ventunesima edizione, confermandosi così una delle iniziative del Gruppo più consolidate in Italia. Essere stati, nel 2002, tra i primi Paesi a lanciare un’edizione nazionale di questo programma a favore delle donne ricercatrici è per noi motivo di vero orgoglio. Ad oggi, abbiamo premiato ben 106 meritevoli scienziate italiane e siamo onorati di poter contribuire con il nostro Premio a colmare il divario di genere purtroppo ancora presente nelle discipline scientifiche. Aspettiamo con impazienza di ricevere anche quest’anno le candidature delle menti brillanti che contribuiranno a plasmare il futuro del progresso scientifico”, ha commentato Emmanuel Goulin, Presidente e AD di L’Oréal Italia.

Federico Morgantini Editore