TruVoice: l’intelligenza artificiale traduce in tempo reale su Skype

L’intelligenza artificiale di Skype si chiama TruVoice e traduce in tempo reale parlando con lo stesso timbro di voce della persona

Redazione
intelligenza artificiale skype

Abbattere il gap della lingua è ormai una delle sfide dei colossi del mondo della tecnologia. Dopo Google che ha introdotto anche le lingue più piccole e meno conosciute nel suo traduttore, arriva l’intelligenza artificiale di Skype che traduce le conversazioni delle chiamate vocali in tempo reale.

L’intelligenza artificiale diventa traduttore

Si chiama TruVoice ed è l’ultima funzione annunciata da Microsoft, padre di Skype. Grazie alla tecnologia di intelligenza artificiale avanzata, dunque, si potranno avere conversazioni nelle varie lingue con un traduttore simultaneo. Inoltre, la vera innovazione, è che la voce del traduttore non sarà robotica come spesso accade ma utilizzerà lo stesso timbro di voce, o quasi, della persona che sta parlando rendendo così la comunicazione più naturale e umana possibile.

Al momento l’AI conosce solo le lingue più parlate come l’inglese, lo spagnolo, il francese, il tedesco e il cinese ma, in futuro, ne verranno aggiunte molte altre. Man mano che la funzionalità sarà disponibile basterà andare in “altro” nel menù e selezionare “traduci” nel riquadro basso della finestra della chiamata in corso.

Per saperne di più: Intelligenza Artificiale, cos’è e come funziona. Tutto sulla AI

“Un enorme passo avanti per Skype, poiché consente a persone che parlano lingue diverse di comunicare facilmente. Skype usa l’Intelligenza Artificiale per rilevare automaticamente le lingue parlate durante una videochiamata e tradurle in tempo reale. Questo viene fatto utilizzando una combinazione di tecnologia di riconoscimento vocale ed elaborazione del linguaggio naturale, che sono in grado di comprendere e interpretare le parole pronunciate e tradurle nella lingua desiderata. Inoltre, se si attiva l’uso della voce naturale, utilizzeremo l’intelligenza artificiale per campionare le parole e ottimizzare la traduzione in modo che suoni uguale, rendendo la conversazione più umana”, ha dichiarato Microsoft come riportato da Ansa.

Federico Morgantini Editore