Il futuro del lavoro è nel Metaverso: la partnership tra Meta e Microsoft

Microsoft si unisce a Meta per portare la sua suite di strumenti per il lavoro e non solo, nel Metaverso. L’annuncio a Meta Connect

Arianna De Felice
metaverso

In occasione del Meta Connect di ieri, Mark Zuckerberg ha annunciato la nuova partnership stretta con Microsoft per portare la suite di strumenti dedicati al lavoro nel Metaverso.

Lavorare nel Metaverso

Il lavoro, nel futuro, si sposterà sempre di più online. L’abbiamo già visto con la pandemia che ha accelerato la digital transformation e, questo, è destinato solo a crescere. Secondo alcuni dati di Microsoft, per esempio, il 50% dei giovani (Gen Z e Millennial) prevede che, entro i prossimi due anni, svolgerà metà del proprio lavoro nel Metaverso.

L’evento di ieri di Meta è stato anche l’occasione dell’azienda per annunciare le nuove funzionalità di Workrooms. Tra queste vi sono:

  • Gruppi di approfondimento: ovvero la possibilità per i team di passare da una presentazione di grande gruppo a discussioni più piccole nella stessa stanza per un brainstorming più attivo. Con l’audio spaziale questo significa che puoi sentire chiaramente il tuo gruppo di breakout e le discussioni ambientali nel resto della stanza, con meno distrazioni;
  • Note adesive per lavagna inseribili in qualsiasi spazio libero nel tuo ambiente fisico in una lavagna virtuale. L’azienda sta lavorando per introdurre la possibilità di aggiungere note adesive alla lavagna per il brainstorming e la collaborazione. E poiché è persistente, sarà tutto ancora lì la prossima volta che qualcuno del tuo team accederà a quella Workroom;
  • Schermi multipli in un nuovo ufficio personale;
  • Integrazione con Zoom già a partire dai primi mesi del 2023;
  • Modelli 3D fondamentali soprattutto per il lavoro di designer, architetti e creativi;

La partnership con Microsoft

Durante il Meta Connect, il presidente e CEO di Microsoft Satya Nadella si è unito a Mark Zuckerberg per annunciare una nuova partnership che porterà nuovi potenti strumenti di lavoro e produttività nel Metaverso già a partire dal prossimo anno.

Primo fra tutti arriverà, sui dispositivi Meta, Mesh per Microsoft Teams progettato per aiutare le persone a riunirsi virtualmente nel luogo in cui si lavora su qualsiasi dispositivo, inclusi smartphone, laptop e cuffie per realtà mista. Mesh for Teams con dispositivi Meta Quest Pro e Meta Quest 2 consentirà alle persone di connettersi e collaborare come se fossero insieme di persona. Non mancheranno, poi, le app Microsoft 365 tra cui Word, Excel, PowerPoint, Outlook e SharePoint.

In ultimo, Microsoft e Meta stanno esplorando nuovi modi per portare Xbox Cloud Gaming su Meta Quest Store, consentendo ai giocatori di trasmettere in streaming centinaia di giochi Xbox di alta qualità su telefoni, tablet, PC, smart TV selezionate e la piattaforma Meta Quest.

Il Metaverso cambierà ogni cosa, dal gioco alla produttività. E se lo facciamo insieme sono convinto che possiamo plasmare il futuro della realtà virtuale per rendere il suo utilizzo più interessante che mai“, ha commentato Satya Nadella, Ceo di Microsoft.

Federico Morgantini Editore