El Salvador continua a puntare sul Bitcoin: in arrivo 200 ATM

Il paese dell’America Centrale si prepara a legalizzare il Bitcoin, annunciando grandi cambiamenti per l’economia locale

Redazione
bitcoin, criptovalute, coinbase, blockchain

Il 7 settembre sarà una data storica per El Salvador. In quell’occasione, infatti, il Bitcoin diventerà a tutti gli effetti una moneta legale, nonostante le critiche dell’opposizione al governo. L’attuale presidente Nayib Bukele ha risposto in maniera diplomatica alle opinioni negative, facendo capire di non volersi tirare indietro e difendendo la sua scelta come un mezzo per risollevare l’economia locale.

Il Bitcoin non andrà a sostituire il dollaro, ma sarà una moneta alternativa. Chi lo vorrà, inoltre, potrà scaricare una particolare app, chiamata Chivo, che permetterà di ricevere pagamenti sia in dollari, sia in bitcoin. Il suo utilizzo resta in ogni caso facoltativo.

Sarà inoltre possibile inviare rimesse dall’estero con una peculiarità fondamentale a favore del Bitcoin: le rimesse con la moneta virtuale, infatti, risultano istantanee e prive di commissioni. In questo modo si avrà un risparmio notevole dal momento che El Salvador spende ben 400 milioni di dollari l’anno in commissioni.

Leggi anche: Criptovalute, dove siamo e dove stiamo andando. Il report trimestrale del Digital Gold Institute

El Salvador pronta a legalizzare il Bitcoin

Ma non è tutto, perchè in città saranno implementati ben 200 ATM, operativi 24 ore su 24, che permetteranno di convertire bitcoin in dollari e al tempo stesso fare l’operazione inversa, ovvero depositare i dollari e poi trasformarli in monete virtuali.

Criptovalute: crypto bitcoin

Il trend iniziato da El Salvador è stato seguito anche da Oleksandr Bornyakov, viceministro della trasformazione digitale dell’Ucraina, che avrebbe intenzione di approvare un nuovo disegno di legge che consentirà pagamenti in asset digitali come Bitcoin.

Federico Morgantini Editore
QR Code