Startup e PMI Innovative aumentano. Ecco i dati aggiornati dell’Italia

Startup: la situazione italiana secondo i dati del terzo trimestre 2021 presentati dal Ministero dello Sviluppo economico

Redazione
startup

Le startup e le PMI innovative continuano ad aumentare in Italia. A sostenerlo sono i dati del terzo trimestre 2021 stilato dal Mise in collaborazione con InfoCamere e con il supporto del sistema delle Camere di Commercio. Il numero delle imprese innovative arriva a quota 14.032 con una crescita del 3,3% rispetto al trimestre precedente, costituendo il 3,6% di tutte le società di capitali di recente costituzione.

Le startup in Italia

Delle 14.032 startup attive in Italia circa il 18,5%, pari a 2.600, sono state fondate da giovanissimi under 35. Aumenta il numero dei soci presenti nella startup ma, di contro, resta basso il numero di quote rosa. Secondo il rapporto sono solo il 13% contro il 20,9% registrato nel compresso delle società capitali. Ma quali sono i settori più attraenti per le giovani PMI? La maggioranza ovvero, il 75,2% di startup innovative, fornisce servizi alle imprese in settori digitali, (di cui il 37,9% nella produzione di software e consulenza informatica, il 14,2% attività di R&S, l’ 8,6% in attività di servizi d’informazione), minori le percentuali per il manifatturiero 16,4% e solo il 3,1% opera nel commercio.

Infine, dando un’occhiata al quadro geografico, la Lombardia si riconferma la regione con la più grossa fetta con 3.755 startup pari a circa il 26,8% del totale di cui solo Milano con 2.640 imprese pesa per il 18,8%. A seguito troviamo il Lazio con 1.633 pari a 11,6% e la Campania con 1.245 ovvero circa l’8,9%. Infine, medaglia d’oro anche per il Trentino Alto Adige per la maggiore densità di PMI: qui il 5,9% di tutte le società costituite negli ultimi 5 anni è una startup.

A contribuire alla nascita di così tante imprese innovative vi è il Fondo di Garanzia. Il sostegno è stato pari a oltre un miliardo e trecento milioni di euro di finanziamenti per 1.263 PMI, con un incremento di circa 100 milioni rispetto al precedente trimestre. In tutto, dal 2013 a oggi, il Fondo ha garantito circa 3,4 miliardi di euro.

Federico Morgantini Editore