Tutti pronti per la nuova edizione di VRE, il festival della realtà virtuale

Incontri, panel e talk dedicati all’immersivo mondo della realtà virtuale: pronta l’edizione 2021 della VRE

Redazione
realtà virtuale, tapID, Facebook

Si terrà a Roma, nella location di Pelanda del Mattatoio (ex Macro Testaccio, Piazza Orazio Giustiniani 4) la nuova edizione del VRE, il primo Festival italiano interamente dedicato al mondo immersivo della realtà virtuale. In programma dal 14 al 16 ottobre, si tratterà di un’occasione unica per consentire ai visitatori di accedere a una serie di eventi dedicati alla VR, al suo utilizzo e impatto nelle arti, nella cultura, nella valorizzazione del patrimonio culturale e nel settore medicale.

L’ingresso è gratuito per tutte le installazioni in realtà aumentata e mixed reality, nonché ai talk e ai panel, mentre la Selezione ufficiale dei progetti in concorso e fuori concorso è visionabile con biglietto di €8 (scontato a €5 per studenti e docenti delle scuole medie, superiori e universitari).

Prodotto dall’Associazione culturale Iconialab e ideato da Mariangela Matarozzo, il Festival è realizzato con il contributo del MIC – Ministero della Cultura e della Regione Lazio e con il sostegno di Teleconsys S. p. A. e PTSCLAS S.p.A. Oltre alle tre giornate dal vivo alla Pelanda, il Festival offre al pubblico la possibilità di fare esperienza dei progetti di realtà virtuale anche online, fino al 30 ottobre. L’accesso gratuito è sulle Piattaforme VeeR VR e HTC VIVEPORT.

Realtà virtuale a 360 gradi, il programma della VRE

Si parte il 14 ottobre con un panel organizzato in collaborazione con Unitelma Sapienza e IRCCS Fondazione Santa Lucia di Roma che esplorerà le grandi potenzialità delle tecnologie emergenti, incluse la realtà virtuale e l’intelligenza artificiale, nella ricerca scientifica e nella cura e benessere della persona.

Al panel seguirà una dimostrazione pratica delle tematiche affrontate, dove i partecipanti potranno provare in prima persone alcuni paradigmi sperimentali e trattamenti neuroriabilitativi con i visori di realtà virtuale presso le postazioni dedicate durante l’intera giornata.

Alle 11:30 ci sarà poi occasione di seguire un talk incentrato sul discusso tema del metaverso, visto come nuova esperienza digitale per le persone e opportunità di business per i clienti.

Leggi anche: La realtà virtuale può aiutare a curare l’ansia secondo questa ricerca

Nel pomeriggio, inoltre, ci sarà spazio per parlare delle modalità con cui le tecnologie digitali stanno modificando il nostro rapporto con la morte, l’elaborazione del lutto, la memoria e l’immortalità. Il particolare tipo di temporalità che caratterizza la dimensione online,  a causa del quotidiano processo di registrazione dei nostri dati, fa sì che le tracce digitali di ogni singola presenza nel mondo non scompaiono una volta che siamo morti.

Tra i panel in programma il 15 ottobre, invece, vanno segnalati quello di Aigu dedicato a un futuro sempre più inclusivo e solidale e uno dedicato al modo in cui la realtà virtuale abbia cambiato anche il modello di distribuzione cinematografica.

In tutto saranno oltre 30 i progetti provenienti da 20 Paesi, tra cui 4 installazioni di realtà aumentata e realtà mista, e 2 performance artistiche di realtà virtuale, aumentata e mista (XR Art Performance). 20 progetti sono in concorso: 8 film a 360° e 12 VR Experience, più 7 progetti VR fuori concorso.

Un vero e proprio evento per conoscere a 360 gradi uno dei settori tecnologici più in rampa di lancio del momento.

Federico Morgantini Editore

Federico Morgantini Editore
QR Code