Microsoft: con Nuance ancora più spazio all’AI nella sanità

Redazione
intelligenza artificiale, microsoft

Con l’acquisizione di Nuance, Microsoft potrà proporre nuove soluzioni ai medici, tra intelligenza artificiale e Machine Learning.


Come riporta Bloomberg, Microsoft sta profondendo energie sull’intelligenza artificiale per l’assistenza sanitaria.

Sarebbe ormai quasi concluso l’acquisto di Nuance Communications: la società, legata alla tecnologia vocale Siri, aiuterebbe a revisionare soluzioni che solleverebbero i medici dalla necessità di prendere appunti e prevederebbero con maggiore puntualità le esigenze di un paziente. 

Il prezzo sul tavolo della discussione potrebbe stimare Nuance a circa 56 dollari per azione, un premio del 23% rispetto alla chiusura di venerdì, avrebbe riportato una persona informata sui fatti. Sarebbe la più grande acquisizione di Microsoft dai tempi di LinkedIn e darebbe a Nuance un valore azionario di circa 16 miliardi di dollari, dati compilati da Bloomberg.

Microsoft ha cercato di farsi strada nel settore sanitario, vendendo più software cloud a ospedali e medici. Lavora con Nuance da due anni su un software di intelligenza artificiale che aiuta i medici a registrare le discussioni dei pazienti e integrarle nelle cartelle cliniche elettroniche e combinare i prodotti dell’azienda di tecnologia vocale nella sua app Teams per gli appuntamenti di telemedicina.

L’accordo Nuance sarebbe un trofeo per Microsoft“, ha detto l’analista di Wedbush Dan Ives. “Nuance è nel bel mezzo di una svolta strategica senza precedenti negli ultimi anni sotto la guida del CEO Mark Benjamin e riteniamo che l’azienda rappresenti una risorsa unica sul fronte dell’assistenza sanitaria per Microsoft“.

Microsoft: digitalizzazione e intelligenza artificiale nell’assistenza sanitaria

Le azioni di Nuance sono aumentate del 3,4% quest’anno, dando alla società, che ha gettato le basi per la tecnologia utilizzata per Siri sui dispositivi Apple, un valore di mercato di quasi 13 miliardi di dollari.

Man mano che il software di intelligenza artificiale migliora nell’analisi del linguaggio e nella previsione delle esigenze mediche, Nuance e Microsoft potrebbero essere in grado di sviluppare una tecnologia che cerca determinate parole nelle cartelle cliniche per fornire i suggerimenti migliori ai medici per la cura del paziente.

Questo può davvero aiutare Microsoft ad accelerare la digitalizzazione del settore sanitario, che è rimasto indietro rispetto ad altri settori come la vendita al dettaglio e il settore bancario“, ha affermato Anurag Rana, analista senior di Bloomberg Intelligence. “Il più grande vantaggio a breve termine che posso vedere è nell’area della telemedicina, dove il prodotto di trascrizione Nuance è attualmente utilizzato con Microsoft Teams“.

Microsoft si è inoltre concentrata sempre di più sull’assistenza sanitaria. A maggio, il produttore di software ha svelato un pacchetto di software cloud specifico per il settore e ha anche assunto dirigenti con background medico per affinare strumenti di machine learning e intelligenza artificiale per aree comprese le sperimentazioni cliniche.

Federico Morgantini Editore
QR Code