Intelligenza artificiale e Sla: la nuova ricerca dell’Istituto Mario Negri

Uno studio interamente nostrano ha evidenziato gli effetti positivi dell’intelligenza artificiale sulla diagnosi precoce di Sla

Redazione
intelligenza artificiale

La tecnologia in ambito medico continua a fare passi da gigante, soprattutto grazie all’impiego dell’intelligenza artificiale. Da uno studio italiano condotto dall’Istituto Mario Negri, e pubblicato sulla rivista scientifica Molecular Neurodegeneration, è infatti emerso come l’AI possa essere in grado di diagnosticare in anticipo l’insorgere della Sla, malattia che colpisce ogni anno in media una persona su tre ogni 100mila abitanti.

La Sla è una malattia neurodegenerativa che interessa i motoneuroni, cellule essenziali per inviare i comandi ai muscoli dell’apparato scheletrico e garantire il movimento. L’intelligenza artificiale riuscirebbe dunque a decodificare i segnali rilasciati dalle cellule, fornendo un prezioso aiuto all’equipe di neurologi.

Il protocollo consiste nell’isolare e caratterizzare delle vescicole extracellulari che circolano nel sangue. In base a queste è possibile differenziare i pazienti affetti da Sla da quelli sani e quelli affetti da altre malattie.

Il confronto, come sottolineato nello studio, è stato realizzato proprio con l’intelligenza artificiale da Francesco Rinaldi del Dipartimento di Matematica dell’Università di Padova che ha analizzato e rielaborato i dati ottenuti dai prelievi rilevati su un campione di 106 pazienti SLA e 96 soggetti controllo.

Leggi anche: L’intelligenza artificiale per curare i problemi renali, ecco U-Care Medical

L’identificazione di biomarcatori specifici e predittivi sarebbe dunque di grande aiuto non solo per la loro gestione clinica ma anche per lo sviluppo di una terapia efficace. Bisognerà poi effettuare accertamenti di validazione per portare il tutto alla pratica clinica, ma si tratta di un ottimo segnale di partenza.

Per saperne di più: Intelligenza artificiale, cos’è e come funziona – Tutto sulla AI

Al prezioso studio hanno partecipato i centri CRESLA, AOU Città della Salute e della Scienza di Torino, l’Azienda Ospedale Università di Padova e a Milano, il Centro Clinico NeMO, ICS Maugeri e la Casa Cura Policlinico.

Federico Morgantini Editore
Federico Morgantini Editore
QR Code