Facebook svilupperà avatar più realistici per la realtà virtuale

Sara Giannaccini
metaverso

I futuri visori di realtà virtuale di Facebook dovrebbero catturare le espressioni facciali per restituire avatar digitali più realistici.


I futuri visori dedicati alla realtà virtuale che Facebook ha in cantiere dovrebbero avere l’abilità di catturare le espressioni facciali degli utenti, così da restituire avatar digitali più realistici. È quanto affermato dal CEO Mark Zuckerberg.

In un’intervista rilasciata durante il podcast The Information, Mark Zuckerberg ha parlato del prossimo decennio nella realtà virtuale e aumentata, compresi i futuri dispositivi Oculus, come riporta The Verge.

Una delle cose di cui sono davvero entusiasta circa le versioni future è portare a bordo il rilevamento degli occhi e il rilevamento del viso, perché se sei davvero entusiasta della presenza sui social, vuoi assicurarti che il dispositivo abbia tutti i sensori per essere davvero in grado di animare avatar realistici in modo da poter comunicare bene “, ha affermato Zuckerberg.

Mark Zuckerberg ha inoltre affermato che le modifiche all’hardware sono uno degli obiettivi principali per la creazione di avatar. Nella realtà virtuale, “le cose più importanti su cui siamo molto concentrati ora riguardano come inserire più sensori sul dispositivo per creare una migliore esperienza social”, dice. “Quando penso a dove ci troviamo con la realtà virtuale oggi, si entra nel campo dell’esperienza: ci sono alcuni giochi piuttosto buoni ed esperienze diverse. Ma mi piacerebbe arrivare al punto in cui hai a disposizione avatar realistici di te stesso, in cui puoi stabilire un contatto visivo autentico con qualcuno e avere espressioni reali che si riflettono sul tuo avatar.

Facebook ha rilasciato molteplici versioni di avatar VR e Zuckerberg afferma che una nuova generazione di avatar è in arrivo entro la fine dell’anno, con versioni più realistiche oltre a quella esistente. il CEO di Facebook ha confrontato la qualità da lui desiderata con lo strumento MetaHuman di Epic, che consente agli animatori di produrre volti virtuali altamente dettagliati, ma il suo obiettivo è che Facebook generi questo tipo di avatar attraverso l’apprendimento automatico su larga scala.

L’intervista rilasciata a The Information conferma diverse aree di interesse per Facebook. Mark Zuckerberg ha indicato che Oculus sta già immaginando le versioni 3 e 4 di Quest, cosa che fa capire come Facebook abbia in programma di rimanere sul design di Quest per il prossimo futuro. Facebook ha anche un interesse attivo per la realtà aumentata, anche grazie al paio di occhiali intelligenti che verranno lanciati entro la fine dell’anno, ma Zuckerberg ribadisce che non avranno elementi AR visivi standard.

Il magnate ha anche discusso dell’acquisizione da parte di Facebook di CTRL-Labs, che produce bracciali che rilevano e interpretano i segnali neurali, un’alternativa parziale alle interfacce invasive cervello-computer come Neuralink di Elon Musk. “Non pensiamo che le persone vorranno farsi trapanare la testa per utilizzare la realtà virtuale o aumentata“, afferma Zuckerberg. Osserva che Neuralink ha applicazioni molto reali, in particolare per le tecnologie mediche come gli arti protesici. “Ma alla fine, non credo che [quello] farà parte di un prodotto di consumo che verrà offerto a breve“.