Dalla cryptoart un aiuto alla Sardegna: al via la prima raccolta fondi in NFT

Per la prima raccolta fondi in NFT prestigiosi artisti contemporanei italiani e internazionali si sono uniti a supporto della Sardegna devastata dagli incendi

Redazione
La crypto arte supporta la Sardegna: parte la prima raccolta fondi in NFT. Opera di Antonio Marras Lussu

Nel corso dell’ultimo anno c’è stato un vero e proprio boom legato agli NFT (Non-Fungible Token), ovvero risorse digitali che acquistano valore in base alla loro unicità. Un quadro, un file audio, un videogame, persino un semplice tweet, tutto può trasformarsi in NFT e poi essere venduto come un pezzo da collezione.

Basti pensare che secondo le ricerche di NFT Statistics le vendite di NFT nel 2020 si sono aggirate sui 250 milioni di dollari, mentre nel primo quadrimestre di quest’anno hanno addirittura raggiunto la cifra di 2 miliardi di dollari. Il non-fungible token più costoso mai venduto? “Everydays: the First 5000 Days” di Beeple, messo all’asta alla cifra di 69,3 milioni di dollari.

L’esplosione degli NFT ha portato alla ribalta numerosi artisti che si sono cimentati nella cryptoart come Antonio Marras del duo italiano HACKATAO, tra i crypto artist più conosciuti nel panorama. Assieme ad altri artisti internazionali Marras ha deciso di coniugare la passione per la cryptoart al desiderio di supportare la Sardegna, terra colpita negli ultimi giorni da numerosi incendi, partecipando alla prima raccolta fondi benefica interamente in NFT.

Leggi anche: Tutti pazzi per NFT e Blockchain, anche Achille Lauro

Artisti internazionali al fianco della Sardegna: parte la prima raccolta fondi benefica basata sulla vendita di cryptoart

Ideata dall’associazione culturale The AB Factory, l’iniziativa è stata realizzata sulla piattaforma Digital Art Rights con il supporto di prestigiosi partner e professionisti che subito si sono attivati a favore dell’isola come Art Rights, Phygi.io, Artuu Magazine, The Cryptonomist, DeFi Today, The Swiss Blockchain Consortium e Marco Rubino di Musebbi.

Tra i nomi degli artisti internazionali figurano Federico Cecchin, Andrea Crespi, Alberto Maria Colombo, Noah D’Alessandro, Emanuele Dascanio, Simon Dee, Andrea Gola, ManuInvisible, Giovanni Motta, Renzo Nucara, Paola Pinna, Pongo 3D, Caterina Quartana, Alessandro Risuleo, WAARP e tanti altri

Sulla piattaforma digital.artrights.me è possibile acquistare una selezione di NFT, oppure fare una libera donazione tramite PayPal o con criptovalute. L’intero ricavato sarà devoluto a favore della ONLUS “Effetto Palla” di Oristano per gli animali del territorio e al Comune di Santu Lussurgiu, tra i maggiori colpiti.

A commentare l’iniziativa ci ha pensato Andrea Concas, Ceo e Founder di Art Rights, che ha così affermato: “Spero che l’arte possa far rinascere e portare colori là dove ora è tutto nero! Vogliamo che in questo tragico momento l’arte sia presente, anche quella più innovativa”. 

Federico Morgantini Editore
QR Code