Cassa Ragionieri: il portale si aggiorna con l’intelligenza artificiale

La nuova piattaforma della Cassa Ragionieri sfrutta l’intelligenza artificiale per aiutare gli utenti affetti da disabilità

Redazione
Facebook intelligenza artificiale

Aiutare gli utenti affetti da disabilità a districarsi in maniera più agevole tra le pratiche burocratiche del mondo degli immobili. Questo l’obiettivo primario che ha spinto la Cassa di previdenza dei ragionieri e degli esperti contabili ad aggiornare il portale Cassa Ragionieri ricorrendo all’intelligenza artificiale.

Si stima, infatti, che il 20% della popolazione mondiale sia affetto da disabilità visive e motorie che causano difficoltà nella fruizione dei servizi digitali e web. La nuova versione della piattaforma adesso permette di modificare lo stile dei contenuti, la luminosità e i colori, garantendo accessibilità e navigazione su misura.

Sono ben sei le modalità di navigazione progettate per ridurre gli ostacoli presenti sul web in caso di deficit visivi, motori, cognitivi: per chi soffre di epilessia vengono eliminati i lampi e si riduce il colore, per chi è ipovedente è stata migliorata la grafica del sito, mentre chi soffre di disabilità cognitiva può leggere in maniera più agevole e concentrarsi.

Presente anche una tastiera di navigazione, uno screen reader per i non vedenti e un profilo “amichevole” ADHD che aiuta a eliminare le distrazioni, favorendo l’attenzione.

Leggi anche: Intelligenza Artificiale, cos’è e come funziona – tutto sulla AI

Come riportato sul sito ufficiale, esistono due modi per migliorare la fruizione dei contenuti: scegliere un set predefinito di impostazioni regolate in base al tipo di disabilità o intervenire sui singoli elementi che caratterizzano il portale.

Luigi Pagliuca, Presidente del Consiglio di amministrazione della Cassa nazionale di previdenza dei ragionieri, ha spiegato che la scelta di questo update del portale è avvenuta per fornire servizi e informazioni a tutti gli iscritti, senza alcun tipo di discriminazione.

Ancora una volta, dunque, l’intelligenza artificiale si dimostra uno strumento validissimo per migliorare la fruizione digitale.

Federico Morgantini Editore