Carenza di chip, l’UE punta a una svolta tech e annuncia il “Chips Act”

Ursula Von der Leyen, presidente della Commissione Europea, ha annunciato un programma volto alla regolarizzazione dei chip

Redazione
chip, dell

Dare vita a un ecosistema di chip all’avanguardia che possa regolarizzare la produzione e la spedizione, assicurando una stabilità nell’approvvigionamento e sviluppando nuovi mercati per la tecnologia all’interno dell’Unione Europea.

Questo il punto focale del discorso di Ursula Von der Leyen, presidente della Commissione Europea, che ha annunciato il “Chips Act”, ovvero un programma per rendere l’UE competitiva e autosufficiente a seguito dei rischi nati dalle collaborazioni con fornitori asiatici e statunitensi.

La carenza di semiconduttori ha infatti rappresentato uno dei maggiori rischi per la ripresa dell’UE dagli effetti della pandemia Covid-19 che ha deciso di investire un quinto del suo Recovery Fund da 750 miliardi di euro in progetti digitali.

Leggi anche: La carenza di chip costerà 110 miliardi di dollari al settore automotive

L’analisi di scenario è stata condivisa anche dal commissario dell’industria Thierry Berton, che ha spiegato come i chip non siano soltanto componenti chiave delle case automobilistiche, produttori di smartphone e videogiochi, bensì siano punti focali per la corsa alla leadership tecnologica e industriale.

L’Unione Europea vuole riaffermarsi nel competitivo mercato dei chip

Basti pensare che secondo una ricerca di Blooomberg l’industria dei chip ha un valore complessivo di 50 miliardi di dollari. Ne consegue che negli anni a venire aziende e governi si scontreranno per la supremazia dei semiconduttori ed è per questo che l’Unione Europea vuole tornare a essere competitiva sul mercato.

La carenza di chip aveva portato anche a un rialzo dei prezzi dei prodotti, tra cui quello dei modelli di TV più grandi, aumentati del 30% rispetto all’estate scorsa.

Breton ha poi spiegato che una legge europea sui chip comprenderebbe la ricerca, la capacità di produzione e la cooperazione internazionale, e che il blocco dovrebbe esaminare la creazione di un fondo europeo dedicato ai semiconduttori.

Federico Morgantini Editore
Federico Morgantini Editore
QR Code