Baidu spinge sull’intelligenza artificiale: tutte le straordinarie novità

Baidu ha presentato il suo chip di intelligenza artificiale di seconda generazione, la sua prima “robocar” e un’app per taxi senza conducente

Redazione
baidu, guida autonoma

Piatto ricco, anzi ricchissimo, per Baidu. Il gigante cinese di Internet ha presentato il suo chip di intelligenza artificiale di seconda generazione, la sua prima “robocar” e un’app per taxi senza conducente, sottolineando come queste nuove aree tecnologiche siano fondamentali per la crescita futura dell’azienda.

L’azienda con sede a Pechino, nota come il più grande motore di ricerca cinese, si è concentrata sulla diversificazione della propria attività oltre la pubblicità a fronte della crescente concorrenza e di un mercato pubblicitario difficile negli ultimi anni. Per far fronte alle nuove grammatiche digitali, Robin Li, CEO di Baidu, ha cercato di convincere gli investitori che il futuro dell’azienda risiede nell’intelligenza artificiale e in aree correlate come la guida autonoma.

Come riporta CNBC, durante la sua conferenza annuale Baidu World, la società ha lanciato Kunlun 2, il suo chip AI di seconda generazione progettato per aiutare i dispositivi a elaborare enormi quantità di dati e aumentare la potenza di calcolo. Baidu afferma che il chip, che è entrato nella produzione di massa, può essere utilizzato in aree come la guida autonoma.

Baidu ha svelato inoltre una “robocar”, un veicolo autonomo dotato di porte che si aprono come ali e un grande schermo all’interno adibito all’intrattenimento. Si tratta comunque di un prototipo e al momento non ci sono informazioni circa l’effettiva messa in produzione.

Baidu effettua inoltre i cosiddetti servizi di robotaxi in alcune città, tra cui Guangzhou e Pechino, dove gli utenti possono chiamare un taxi autonomo tramite l’app Apollo Go dell’azienda in un’area limitata. Wei Dong, vicepresidente del gruppo di guida intelligente di Baidu, ha dichiarato alla CNBC che la società mira a una disponibilità commerciale pubblica di massa in città selezionate entro due anni.

Che cos’è Baidu

La multinazionale tecnologica Baidu Inc ha registrato un fatturato annuo di oltre 16 miliardi di dollari USA nel 2020. Con sede a Pechino, la società è rapidamente cresciuta fino a diventare uno dei principali sviluppatori cinesi di servizi e prodotti di Internet e di intelligenza artificiale. Il suo Baidu.com è uno dei siti web di motori di ricerca più grandi e popolari della Cina.

A dicembre 2020 il numero di utenti dei motori di ricerca in Cina era di quasi 770 milioni, la maggior parte dei quali svolgeva le proprie attività di ricerca su dispositivi mobili. I fornitori di motori di ricerca cinesi operano in un mercato multimiliardario. Le previsioni per il 2021 prevedevano entrate di oltre 160 miliardi di yuan. Di questo, Baidu detiene le maggiori quote di mercato in termini di visualizzazioni di pagina e come motore di ricerca mobile preferito.

I servizi globali di Baidu spaziano da algoritmi, ricerche aziendali e di immagini a navigazione, archiviazione online e notizie. Gli speaker intelligenti abilitati alla piattaforma vocale DuerOS sono un esempio dei progressi di Baidu nel campo dell’intelligenza artificiale. iQiyi, la sua piattaforma di streaming video online pubblicizzata come la “Netflix cinese”, ha rappresentato quasi l’8% delle entrate annuali dell’azienda nel 2019.

Federico Morgantini Editore
Federico Morgantini Editore
QR Code